Emilio Stella. A Parco Schuster, il reggae romano e irriverente di uno dei più interessanti cantautori della scena indipendente capitolina

Parco Schuster Via Ostiense 182, Roma / Basilica di San Paolo, ore 21.30. Ingresso gratuito.

Il 26 luglio sul palco di Parco Schuster arriva il reggae romano e irriverente di uno dei più interessanti cantautori della nuova scena capitolina: Emilio Stella.


Istanze sociali in un’ottica tassativamente ironica e con una spassionata cadenza romana, Emilio Stella è ormai da anni presenza di spicco non solo della scena indipendente, ma anche dei palinsesti radiofonici e televisivi.

Case popolari, vita in cantiere, strade per il lavoro o per il mare, i brani di Stella evocano scenari rappresentativi di esperienze e di emozioni intrise di romanità.

Il suo primo album, “Panni e Scale” (2011), ottiene un buon successo da parte della critica e lo conduce alla vittoria di premi quali “Botteghe d’Autore”, “Premio Stefano Rosso”, “Poeta Saltimbanco”, “Dallo Stornello Al Rap”.

Calca il palco con artisti come Cristicchi, Mannarino, Piotta, Il Muro del Canto e collabora con Er Pinto, poeta urbano.

Nel 2014 il brano “Capocotta non è Kingston”, diventa virale sul web e richiama l’attenzione dei media, tanto da consentire nel 2015 l’accesso tra i 60 finalisti di Sanremo Giovani. Nel 2016, il singolo “Pontina” diviene anch’esso virale e viene trasmessa nel programma cult “Blob” di Raitre.

L’artista romano viene pedissequamente accompagnato da Primiano Di Biase (hammond, piano, fisarmonica), Ruggero Giustiniani (batteria), Samuel Stella (chitarre, mandolino, armonica e cori) e Davide Costantini (basso).

In uscita il nuovo album “Suonato”, ricco di spunti e sperimentazioni.

Un Reggae leggero e irriverente, narrativo e divertente per un appuntamento da non perdere il 26 luglio a Parco Schuster.

Info: www.parcoschuster.it
 Parco Schuster Via Ostiense 182, Roma / Basilica di San Paolo. Ingresso gratuito