Per Cinema&Storia: 75 anni dopo il tramonto del confino di Ventotene, gli studenti degli istituti superiori di Roma e del Lazio rivivono quella storia tra Cinema e Memoria

Con Enrico Menduni, docente e storico, e Christian Raimo, scrittore e insegnante

20-21 aprile, Ventotene (LT)


Nell’agosto del 1943 si è chiusa la triste epoca di Ventotene come isola di confino politico e sociale. 75 anni dopo, gli studenti degli istituti superiori di Roma e del Lazio hanno l’occasione di rivivere quel frangente con Cinema&Storia, Progetto Scuola ABC promosso da Regione Lazio e Roma Capitale.

La storia raccontata ai ragazzi e rivissuta negli stessi luoghi in cui si è svolta, attraverso lo sguardo del grande cinema: il Progetto Cinema&Storia approda il 20 e 21 aprile 2018 all’isola di Ventotene (LT) con la proiezione di L’ora più buia e un percorso nel solco delle nostre radici condivise, accompagnati dal docente e storico Enrico Menduni, dallo scrittore e insegnante Christian Raimo e da altre personalità del mondo della cultura. Due giorni di letture, proiezioni testimonianze e incontri per conoscere più da vicino gli avvenimenti del passato, che sono la base per capire e interpretare il nostro presente, nel luogo dove è nata l’idea stessa d’Europa concepita da Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi con il Manifesto Per un’Europa libera e unita, più noto come Manifesto di Ventotene.

Saluti istituzionali di Gerardo Santomauro, Sindaco di Ventotene, Roland Sejko, Istituto Cinecittà Luce, Cristina Priarone, Lazio Roma Film Commission e Giovanna Pugliese, coordinatore Progetti Scuola ABC.

Con 2 Premi Oscar, 1 Golden Globes e 2 BAFTA, L’ora più buia, political drama firmato Joe Wright, è stato uno dei film più apprezzati del 2017.

Ambientato agli inizi della Seconda Guerra Mondiale, L’ora più buia è il momento cruciale della scelta drammatica da parte del Primo ministro britannico Winston Churchill (Gary Oldman), tra l’armistizio con la Germania nazista e l’intervento nel conflitto armato. Dinanzi all’avanzata dell’esercito tedesco e all’imminente invasione della Gran Bretagna, Churchill è chiamato a decidere tra la tutela del Paese in nome di una pace apparente e temporanea e la difesa dei propri ideali di autonomia e libertà. Accanto a lui, indaffarate dietro le quinte degli eventi storici, la moglie Clementine (Kristin Scott Thomas) e la segretaria personale Elizabeth Nel (Lily James). Nel cast, anche Ben Mendelsohn, nei panni dell’amato sovrano Re Giorgio VI, e Ronald Pickup, nelle vesti del Primo ministro uscente Neville Chamberlain.

Dal teatro al cinema, la prima giornata si concluderà con lo spettacolo Albania casa mia, monologo scritto e interpretato da Aleksandros Memetaj per la regia di Giampiero Rappa.

Dallo scenario europeo a quello italiano, con il Meeting di Ventotene Cinema&Storia è ancora una volta un’occasione unica per raccontare la Storia d’Italia attraverso il cinema e le sue immagini: un approccio inedito per proporre agli studenti delle scuole superiori un altro racconto del Novecento attraverso pellicole che hanno portato sul grande schermo sia la Storia con la S maiuscola sia le piccole storie quotidiane, immagini di accurata documentazione, di poesia visionaria, di potente forza narrativa che hanno fecondato l’immaginario e formato la coscienza civile di tutti noi. Lo spirito è quello di contribuire all’approfondimento del nostro passato, all’interno di un “progetto in continuo movimento” che cerca di fornire, attraverso immagini e parole-chiave, analisi e strumenti di interpretazione per capire meglio quello che siamo oggi e saremo domani attraverso ciò che siamo stati.

Il Meeting Cinema&Storia è promosso dalla Regione Lazio con Roma Capitale, nell’ambito del POR-FSE Lazio 2014 – 2020/Asse III – Istruzione e formazione/Obiettivo specifico 10.1. L’iniziativa è curata dal Progetto ABC Arte Bellezza Cultura con Roma Lazio Film Commission, Giornate degli Autori, Istituto Luce Cinecittà, e il sostegno della Direzione Generale Cinema del MiBACT.

Il Meeting di Cinema&Storia è realizzato grazie al contributo dell’Istituto Luce Cinecittà e della Direzione Generale Cinema del MiBACT.