Tactus Rosa e la sinfonia per i Beatles e Pink Floyd

Beatles e Pink Floyd…Oltre il gia’ noto e’ il nuovissimo album dei TacTus Rosa, l’accattivante formazione composta da 10 elementi che rielabora e ripropone in versione acustica e sinfonica il miglior repertorio di Bealtes e Pink Floyd.
Un progetto di tributo originale e diverso dalle consuete operazioni cover, che si caratterizza per la scelta di classici immortali ma anche di episodi meno noti, in un mélange riuscito e piacevole, anche per la scelta live.
Il CD è distribuito da Halidon (www.halidon.it), lo potete trovare anche ai concerti del gruppo (www.tactusrosa.com – info@tactusrosa.com – Facebook: Tactusrosa)

TacTusRosa è un gruppo musicale composto da quartetto d’archi, piano, chitarra acustica, batteria, basso, voce maschile e voce femminile, il gruppo mira a ripercorrere i brani più conosciuti dei due gruppi inglesi Beatles e Pink Floyd ma – ecco la particolarità – arrangiati in versione acustica sinfonica. Il gruppo e’ composto da 10 elementi, nomi noti nel panorama veneto. I musicisti del quartetto d’archi sono tutti professionisti
Mariano Doria (direttore artistico dell’Orchestra Giovanile Vicentina alla viola),
Maria Vicentini (violino), Laura Masotto (violino), Pietro Trevisiol (violoncello), così come il batterista Graziano Colella e la voce femminile Claudia Valtinoni.
Sandro Benetti (piano), Paolo Albiero (chitarra), Giorgio Pietrobelli (basso e contrabasso) e Luca Totti (voce maschile) completano il gruppo.
Tra i brani interpretati ci sono “Yesterday”, “Let it be”, “Michelle”, Hey Jude per i Beatles, mentre dal vasto repertorio dei Pink Floyd sono stati selezionati ad esempio “Confortable Numb”, “Hey You”, “Wish you were here”, Vera, Time.
Gli arrangiamenti sono tutti originali e creati da Mariano Doria, Sandro Benetti e Lorenzo Bari con lo scopo di proporre musica pop con sonorita’ diverse.
Due parole sul – a prima vista, strano – nome del Gruppo. La spiegazione in realtà è abbastanza semplice: dato che si è voluto rievocare assieme Beatles e Pink Floyd, nulla di più semplice che utilizzare “Beat” per i primi e “Floyd” per i secondi.
“Beat” però è un po’ inflazionato, meglio quindi tradurlo – liberamente – in “TacTus”. battuta musicale usata dai compositori fino alla fine del XVIII secolo. Ulteriore finezza, la grafia esatta è (occhio alle maiuscole) TacTus, proprio per rendere il senso del ritmo.
“Pink” invece non può che essere universalmente tradotto con “rosa”. Quindi, grazie alla creatività di questo gruppo, abbiamo ora i “TacTusRosa”.
Il gruppo ha sede a Vicenza ed i musicisti provengono da Vicenza e Verona, alcuni di loro suonano per l’orchestra del Teatro Olimpico di Vicenza e hanno suonato nell’Arena di Verona, 10 musicisti coadiuvati dallo staff tecnico di supporto allo show, che possiede una grande spettacolarità, affascina ed emoziona, imperdibile.

avatar

Autore: dragomilov

Appassionato di musica e arte in genere collaboro con ufficio stampa della DEFOX RECORDS e Associazione ARTISTI NO LIMITS per la promozione e sviluppo di tutte le espressioni artistiche. www.artistinolimits.it