Rumer: Am I Forgiven, nuovo singolo in radio

RumerLa splendida voce di Rumer torna in radio venerdì 15 luglio con un terzo singolo estratto dall’album di debutto SEASONS OF MY SOUL.
“Am I forgiven”, questo il titolo, è un brano elegante e leggiadro che ricorda le atmosfere classiche di Burt Bacharach. Il video di “Am I forgiven” sarà in rotazione da lunedì 18 luglio su tutte le tv musicali.

Rumer ha ricevuto recentemente 3 nominations ai prestigiosi MOJO Awards che si terranno al Brewery di Londra il prossimo 21 luglio: Best album, Breakthrough act e Song of the year (Slow).

SEASONS OF MY SOUL, ha venduto 1 milione di copie nel mondo e oltre mezzo milione solo in Inghilterra dove rimane in vetta alla classifica da 34 settimane.
RUMER (vero nome Sarah Joyce), nata a Islamabad (Pakistan) nel 1979, è la rivelazione assoluta della scena pop-soul inglese. Il suo album di esordio SEASONS OF MY SOUL acclamato in patria da pubblico e critica, è stato preceduto in radio dai singoli “Slow” e “Aretha”. Paragonata a figure eccellenti del pop femminile come Carole King, Karen Carpenter e Dusty Springfield, RUMER ha già collaborato con Burt Bacharach, in studio, e con Elton John, in concerto. La sua voce affascinante, il suo raffinato stile di autrice, viaggiano tra pop, soul e jazz. Una storia personale complessa, canzoni intime e non banali, hanno costruito in breve il personaggio RUMER, che ha raggiunto il successo dopo tanti anni di gavetta passati tra palco e lavoretti saltuari.
Nata in Pakistan, dove ha trascorso i primi anni di vita, RUMER era la più giovane di sette fratelli. Suo padre era un ingegnere coinvolto nella costruzione della diga di Tarbela e Sarah si ritrovò a vivere in una sorta di colonia “chiusa” di emigrati, senza TV o giornali, dove grazie ai fratelli che le regalarono una chitarra, cominciò a cantare e a suonare. Con quella chitarra compose, molti anni dopo, tutti i brani di SEASONS OF MY SOUL. La vita è cambiata quando la famiglia ha fatto ritorno in Inghilterra: RUMER si sentiva alla deriva, persa in una nuova società con cui non aveva connessioni. Non avendo mai visto prima un televisore, si lasciò ipnotizzare dai vecchi film musicali a colori, guardando Judy Garland in continuazione e l’influenza di questi film si riconosce in brani come “Slow” e “Come To Me High”.
“Le mie canzoni hanno elementi di quella tradizione folk con la quale sono cresciuta”, spiega l’artista,“quando ho iniziato a comporre alla chitarra, li ho mischiati con quegli accordi più cinematografici. Cerco sempre di trovare una melodia cadenzata e romantica”.
www.rumer.co.uk/
www.myspace.com/rumerlovesyou
www.warnermusic.it
http://www.youtube.com/warnermusicit
http://www.facebook.com/WARNERMUSICITALY

avatar

Autore: red

Pier Giorgio Tegagni: redazione e admin di Music Press.